Blog sempreverde: la guida per rendere il tuo blog sempre interessante

Parte oggi la guida riguardante il blog sempreverde, ovvero quella serie di importanti accorgimenti nella stesura degli articoli per renderli sempre interessanti.

Creare un blog significa pubblicare una serie di contenuti in grado di offrire un servizio agli utenti. Esistono vari tipi di testi ma alcuni possono, come il blog sempreverde, mantenere il focus degli utenti sempre sui contenuti anche se essi dovessero essere più o meno datati. I contenuti sempreverdi possono quindi offrire un servizio di ottima qualità senza la scadenza. In questa guida, di cui l’articolo presente, verrà trattato appunto il metodo della creazione di questi blog.

Il termine sempreverde, è familiare anche a chi non lavora nel campo della comunicazione web e del search engine marketing poiché viene associato, com’è naturale che sia, ad una serie di specie arboree come, per esempio, il pino e l’abete. Quello del blog sempreverde è quindi una specie di metafora che prende spunto proprio da questa caratteristica degli alberi. In ultima istanza, è possibile affermare che i contenuti di un blog sempreverde sono sostenibili e duraturi. Questo succede perché i contenuti di questo tipo rimangono rilevanti per molto tempo dopo la data di pubblicazione.

Quali NON sono i contenuti sempreverdi?

In buona sostanza tutti i contenuti che dopo un periodo di tempo non possono essere più utilizzabili non devono essere considerati sempreverdi. Nella fattispecie sono:

  • articoli news;
  • Statistiche o report numerici che possono cambiare e andare fuori moda;
  • Gli articoli incentrati su una tendenza o cultura che è attualmente di moda;
  • Ultime tendenze abbigliamento e moda.

Quali sono, invece, i contenuti sempreverdi?

Qui di seguito vi sono alcuni, non tutti, argomenti che possono essere considerati come sempreverdi:

  • Liste varie;
  • Consigli e suggerimenti;
  • Guide tecniche;
  • Video;
  • Recensioni di determinati prodotti.

Un blog sempreverde di successo può ottenere ottimi risultati e soprattutto duraturi in termini di visualizzazioni. Nelle prossime puntate parleremo più approfonditamente di questo argomento.

Precedente Google AdWords App per iOS, ottima opportunità per i possessori di iPhone e iPad Successivo Guest Post: cosa sono e come farli