DuckDuckGo: il nuovo confine dei motori di ricerca?

Tutti conosciamo DuckDuckGo ma chi di voi lo ha preso in considerazione per la SEO?

DuckDuckGo è una vera e propria meraviglia della ricerca su internet? In molti, me compreso, hanno tenuto in bassa attenzione per la SEO anche solo a livello teorico perché non è particolarmente conosciuto nel nostro paese ma nonostante tutto è necessario tenere presente che questo motore di ricerca sta ottenendo un grandissimo successo con una crescita esponenziale che raddoppia di anno in anno. Siamo passati infatti dalle quattro milioni di ricerca fino alle nove e non accenna a diminuire il suo carico di lavoro cominciando a far tremare le gambe a (ex) giganti del settore come Yahoo.

DuckDuckGo, almeno negli Stati Uniti d’America, sta riscuotendo un successo molto interessante anche nel settore del posizionamento su internet anche se è necessario tenere presente che in questo settore la SEO è ancora agli inizi. Non si hanno conoscenze approfondite sugli algoritmi di questo motore di ricerca anche se le direttive valide per Big G sono universali poiché non è possibile avere successo se, per esempio, non si creano dei contenuti in grado di poter interessare molto gli utenti. In effetti non si può non pensare al fatto che si deve offrire un prodotto interessante perché una scatola vuota ben infiocchettata rimane comunque una cosa senza alcun valore.

DuckDuckGo è un ottimo prodotto in grado di rendere moltissime soddisfazioni a chi deciderà di cominciare a lavorare anche su questo prodotto anche se potrebbe essere una vera e propria scommessa poiché non si sa ancora quando il motore di ricerca riuscirà ad ottenere un maggiore successo in Italia. Questa è una vera e propria scommessa che può andare male o creare molte soddisfazioni poiché comunque i primi saranno coloro che riusciranno ad avere il maggiore quota di mercato per questo particolare motore di ricerca. Voi cosa ne pensate? Conviene o è meglio attendere?

Precedente Marketing online contro marketing tradizionale Successivo Contenuti accessibili a ipovedenti: prima parte