Google AdWords: un’ottimo strumento per le app mobile

Google AdWords è un potente strumento di marketing messo a disposizione dal colosso informatico statunitense. Questo strumento è molto importante anche per le applicazioni.

Hai deciso di creare un’applicazione e metterla in vendita sui vari negozi? E’ un ottima idea ma è necessario poter farla conoscere il più possibile ad un numero maggiore di utenti in modo tale da poterla acquistare. Google AdWords in questo caso potrebbe essere un importante strumento per rendere il prodotto che si intende commercializzare il più possibile visibile. Questo è un caso molto importante nella creazione di una campagna di marketing in grado di ottenere delle ottime vendite del software. In questo articolo verranno poste le basi per ottenere un importante risultato nella creazione di campagne di vendita delle applicazioni.

In effetti si sta parlando di prodotti in grado di funzionare unicamente su sistemi operativi per dispositivi mobili, in questo contesto tende a perder senso l’indicizzazione per sistemi operativi che funzionano unicamente su computer desktop e notebook. Questo discorso potrebbe non contare comunque con un sistema operativo come Windows 10 visto che è pienamente compatibile con dispositivi mobili come i tablet. Mediante Google AdWords è possibile quindi offrire una campagna di marketing intelligente in modo da minimizzare i costi e massimizzare i guadagni in termini di visibilità.

Anche se non è stata opportunamente pubblicizzata dal colosso informatico di Mountain View, Google AdWords ha ottenuto dei piccoli aggiornamenti in grado di modificare il modo con cui questo strumento di marketing si pone di fronte alla pubblicita per questo tipo di prodotti. Naturalmente il settore mobile è diventato un elemento così importante da non poter esser più ignorato da nessuno. Il Mobilegeddon è la prova più importante. E’ stato quindi deciso di inserire delle importanti caratteristiche per le applicazioni creando delle inserzioni molto importanti in grado di vendere le applicazioni nel miglior modo possibile.

Precedente Mobilegeddon: così l'apocalisse degli smartphone si abbattè su internet Successivo Microsoft Bing: è conveniente usarlo per la SEO?