Marketing online contro marketing tradizionale

Il marketing online può, se ben fatto, essere molto più potente di quello tradizionale

In questa sede parliamo di come fare marketing online e cosa non fare per cercare di spingere il più possibile il proprio marchio o prodotto. Bisogna tenere presente che il canale online rappresenta la strada più comoda per raggiungere milioni d’utenti in qualsiasi momento. La cosa eccezionale della pubblicità online, che comprende il marketing e la SEO, non ha la limitazione che possono essere rappresentati dalla modalità di trasmissione come, per esempio, la televisione visto che internet è ormai dappertutto.

La nostra vita è completamente legata ad internet in moltissimi aspetti dal divertimento fino al lavoro senza naturalmente dimenticare i metodi di comunicazione e di aggregazione. Ciò significa che qualsiasi cosa si faccia ogni giorno abbiamo la possibilità quindi di visionare moltissimi contenuti sponsorizzati come banner, video e testo. Proprio col testo le aziende possono giocare al massimo visto che un blog, magari con evergreen content, molto ben posizionato potrebbe essere, a costi abbastanza bassi, fare da pubblicità continua ad un marchio o un prodotto riuscendo quindi ad ottenere un ottimo risultato ad un costo relativamente contenuto. Social Media e Applicazioni Android e iOS sono altri modi molto interessanti per fare pubblicità. Molti marchi italiani creano applicazioni, di solito giochi, per effettuare un potenziamento del marchio e magari in un secondo momento passare, anche se non è necessaio, qualche annuncio pubblicitario a radio e televisione.

Il marketing online è ormai il mezzo più importante per fare pubblicità e portare al successo un marchio ed un’azienda anche se non si deve mai dimenticare che per ottenere dei risultati tangibili è necessario mettere a disposizione un grande lavoro sempre facendo attenzione a non incappare nelle pratiche black hat seo.

Precedente Test my site: nuove funzionalità dell'app di Google Successivo DuckDuckGo: il nuovo confine dei motori di ricerca?