Come si valuta il sito web: gli altri pericoli nascosti dietro l’angolo

Siamo arrivati ormai alla terza puntata di questa guida e stiamo scoprendo tutti gli elementi che potrebbero influire sul prezzo del sito web o comunque sulla validità dell’investimento.

Abbiamo visto nella puntata precedente che gli algoritmi possono influire pesantemente sulla riuscita di un investimento che potrebbe essere anche abbastanza oneroso quindi è necessario controllare bene anche altri aspetti che potrebbero creare un vero e proprio disastro. In questo articolo sarà possibile controllare alcuni elementi che non di rado vengono sottovalutati ma che sicuramente non scappano a Big G.  E’ bene tenere presente che a volte alcune azioni non vengono fatte con dolo ma solo a causa di una scarsa conoscenza degli algoritmi.

Doorway pages

Le Doorway pages sono delle pagine create ad hoc per generare in modo non corretto del traffico verso un determinato sito di destinazione. Sebbene questi siti spessi abbiano degli argomenti differenti essi possono essere facilmente scoperti da Google con conseguente penalizzazione dei link. Inoltre conviene tenere presente che anche se il sito web non è stato ancora penalizzato da Google potrebbe esserlo anche a mesi di distanza dall’acquisto quindi se, analizzando il sito, si dovessero trovare queste pagine Big G agirà di conseguenza.

La qualità dei contenuti

L’ho detto spesso ma non mi stancherò mai di farlo. Se vuoi che il tuo sito web funzioni deve offrire dei contenuti, un servizio, agli utenti altrimenti Google non avrà alcun interesse ad indicizzarlo sul suo motore di ricerca. E’ necessario tenere presente che questa azienda guadagna con Adsense ed Adwords questo significa che lo spazio nella pagina del motore di ricerca ha una determinata lunghezza ed ogni sito presente nella pagina deve, almeno potenzialmente, poter portare dei guadagni. Se il tuo sito non offre nulla gli utenti non si fermeranno quindi sarà più improbabile il “click” sui banner di Google e di conseguenza meno entrate sia per voi sia per Big G.

Precedente Come si valuta il sito web: attenzione agli algoritmi Successivo Internet ai tempi dello strapotere di Google