WordPress SEO: cos’è la tassonomia

WordPress SEO è un’accoppiata vincente proprio grazie alle sue importanti caratteristiche e la possibilità di modificare praticamente ogni sua parte. In questo articolo verrà trattata la tassonomia

Quando si parla di WordPress SEO non viene in mente la tassonomia ma si pensa immediatamente alle molte caratteristiche che questa piattaforma può offrire a tutti coloro che posseggono un blog, un sito aziendale, un ecommerce o qualsiasi altra cosa. Come detto in precedenza, WordPress ha raggiunto un successo planetario per la possibilità, con le plugin, di creare qualsiasi cosa o quasi. Un altro aspetto importante è la SEO ma anche in questo caso abbiamo molti strumenti che ci aiutano a migliorare il posizionamento dei nostri articoli sul web.

Il WordPress SEO è facilitato notevolmente dal fatto che la curva di apprendimento di questa applicazione è molto breve, soprattutto rispetto a Joomla e Drupal, cosa che ha facilitato l’avvicinamento degli utenti da una parte e lo sviluppo di soluzioni per il posizionamento sui motori di ricerca dall’altra. Un’altro punto molto importante che ha contribuito al successo di WordPress è rappresentato dalla tassonomia ovvero il modo con cui questo CMS raggruppa le categorie. Nello specifico troviamo la categoria che raggruppa i post, i tag che lavorano nello stesso modo delle categorie ma possono essere più flessibili e vari ed infine i link_category che ha il compito di riunire in gruppi i link del proprio sito basato su WordPress. Ora questo strumento è molto potente per un ottima campagna di WordPress SEO ma deve essere portata avanti con molta attenzione poiché uno sbaglio potrebbe creare dei problemi molto seri.

In questo primo articolo riguardo la WordPress SEO abbiamo parlato della tassonomia. Nei prossimi articoli verranno trattati gli altri aspetti rendendo il proprio blog in grado di ottenere delle importanti prestazioni per i propri siti ottenendo delle ottime prestazioni.

Precedente Vediamo come i vecchi contenuti aiutano la SEO Successivo Pokémon Go: la SEO al tempo della caccia ai piccoli mostri